Gobbini Gianfranco

Gianfranco Gobbini è nato nel 1953 a Città della Pieve. Segue da autodidatta la strada della pittura dimostrando, fin dall'età di tredici anni, un'innata propensione artistica verso il disegno e il colore. Con il tempo ha maturato una pittura astratta che deriva dalla profonda osservazione della natura.

Abbandona gradualmente i soggetti paesaggistici per concentrarsi sul valore del colore puro, trascendendo la natura attraverso l'essenza dei suoi contenuti e abbandonando il ricorso alla rappresentazione.

Spoleto Arte a cura di Vittorio Sgarbi; il giallo oro e il blu lapislazzuli trovano uno splendido equilibrio nelle opere di Gianfranco Gobbini Artista che ricerca nel colore ottenuto da pigmenti naturali la modalità per giungere alla sua massima espressione, Gobbini in quest'opera esprime con naturalezza una libertà tanto intensa quanto pura. L'astratto trova nella realtà una base solida per evolversi, per farsi anima e imprimersi nella memoria dell'osservatore con l'intensità di cromatismi che illuminano le tenebre dell'animo, infondendo nuova speranza. Si potrebbe dire che la sua sia una pittura catartica.

Presente in numerose mostre si ricordano:

Mostra Personale "colori d'evocazione" Città della Pieve 28 Marzo - 19 Aprile 2015,

Fiera Internazionale di Arte Contemporanea Parigi 9-11 Giugno 2017, Palazzo del Louvre, Sala del Carrousel;

Mostra personale "Casa di Giotto" Vicchio (FI) 16 Marzo 1 Maggio 2019;

Mostra Personale al Museo Archeologico Nazionale di Chiusi, "Stratificazioni" 1 - 31 Agosto 2021; 

Mostra personale "Visione dell'Arte" Sala delle Armi Palazzo Ruspoli di Nemi:  vincitore della quarta Biennale Internazionale d'Arte dei Castelli Romani a Nemi dal 25 luglio al 29 agosto 2021;

Tempo e Mistero" Mostra personale Museo della Cattedrale di Chiusi, 28 Giugno al 15 Gennaio 2021.

Premiazione Gobbini vincitore Biennale Internazionale d'Arte dei Castelli Romani, Nemi 2021
Premiazione Gobbini vincitore Biennale Internazionale d'Arte dei Castelli Romani, Nemi 2021