Roberto Castellucci

Omnia munda mundis


Se anni fa si parlava di "smaltimento" dei rifiuti, oggi tale parola è totalmente stata sostituita da "valorizzazione", più vicina alle esigenze ecologiche ed economiche del nostro pianeta. 

 CONTINUA A LEGGERE 

Una mano sporca l'altra...

Una pratica che ho sempre osteggiato, sin da quando ho raggiunto un minimo vitale di razionalità, è la stretta di mano. Tale gesto, che normalmente si attua tra due persone che pervengono a una distanza abbastanza compromettente dal punto di vista sociale, trova non solo mille testimonianze nel corso della storia dei tempi ma anche [...]

CONTINUA A LEGGERE 

Per un pugno di centimetri

by Roberto Castellucci  

STOCK/STACK/STOCK/STACK/STOCK... Assisto a una partita di tennis in tv e mi colpiscono i rumori secchi, simili a schiocchi di frusta, accompagnati ritmicamente da lascivi gemiti che arrivano poi al trionfante e orgasmico grido di liberazione finale del vincitore del punto. La strategia di gioco ricorda solo lontanamente quella del tennis della mia adolescenza, in cui ci si limitava al principio che la pallina, colpita dalla racchetta di uno dei contendenti, debba superare la rete e ricadere entro i limiti del campo avversario: il punto veniva assegnato a chi, per ultimo, rimandava la gialla sfera nell'altrui spazio. 

CONTINUA A LEGGERE 

Varco attivo e...cattivo!

di Roberto Castellucci

Vagando per le strade del centro di Roma, non è insolito incontrare cartelli luminosi che, a seconda dell'ora, intimano "varco attivo o "varco non attivo". Lo scopo del segnale è di consentire o meno l'accesso alle strade più interne del Centro storico, regolando in tal modo il traffico dei veicoli a quattro e più ruote. [...]

CONTINUA A LEGGERE

Io mi domando...

Rovistando tra i tanti personaggi da intervistare e sui quali scrivere un articolo, ne ho scovato uno che, pur vivendomi molto vicino, risulta scontroso e forastico quando gli vengono poste domande personali. Cercherò, allora, di aggirare il problema chiedendogli informazioni sulla sua attività artistica, sperando di coglierlo in castagna e strappargli qualche emozione personale...

CONTINUA A LEGGERE 

L'antipasto antipatico

Antitetico, anticamera, antisettico, antistante, antifurto, antibagno, antimateria... Che cosa hanno in comune questi termini? Ovvio, il prefisso "anti". Tale prefisso, però, non sempre determina lo stesso effetto sulla parola che lo segue. Escludendo dalla trattazione il significato scientifico (antigene, antiprotone, anticiclone, antirotazione...), possiamo notare che il lemma assume un significato diverso a seconda dell'etimologia: se [...]

CONTINUA A LEGGERE 

"Eureka!"

La filosofia si diversifica in diverse branche, gnoseologia, ontologia, logica, morale... Tale distinzione non è ovviamente attuata per compartimenti stagni, nel senso che sin dall'antichità greca i filosofi hanno speculato sull'intero mondo senza porsi paletti ideologici o limiti che avrebbero contrastato con lo spirito libertario che contraddistingue la materia. Arduo addentrarsi oltre, anche perché dei miei tre lettori ne sono rimasti due a causa della tediosità dell'argomento e sicuramente si staranno chiedendo di che tipo di allucinogeno abbia fatto uso ultimamente. In verità ieri sera ho mangiato la pizza che, per me, costituisce una vera e propria droga, al punto che ne sono dipendente da quando sono ...nato! Rassicurando il mio lettore, rimasto unico nel frattempo, sul fatto che i filosofi usualmente non fanno ricorso a tale pericolosa sostanza, veniamo dunque alla stupefacente asserzione di cui al titolo.

CONTINUA A LEGGERE