Arte e poesia 

di Patrizia Di Vetta

Il viaggio di Patrizia Di Vetta
Il viaggio di Patrizia Di Vetta

Per visitare la mostra di pittura di Patrizia Di Vetta clicca qui



Mare dentro

Davanti al mio caffè, guardo l'orizzonte e vedo case.

Chiudo gli occhi e mi perdo nei sogni.

Ecco! Ora ti vedo, ti sento:

mare grande, infinito, blu, verde grigio, bianco.

Il riflusso delle onde risuona nelle orecchie.

Il profumo del mare entra nelle mie narici.

Tu mare, mi sei dentro, nei mie sogni io ti vedo.

Riapro gli occhi e vedo le case,

ma tu mare resti in me.

Tic Tac Tic Tac Scorre il tempo.

Tic Tac Tic Tac La mezzanotte della vita immersa in un silenzio agghiacciante scorre davanti a te.

Tic Tac Tic Tac Inferno, Purgatorio, Paradiso! L'orologio segna la mezzanotte. Cammino, penso, prego.

Tic Tac Tic Tac Dove sono? Come, quando? Silenzio.

Passano i minuti, passano le ore, passano i giorni.

Tic Tac Tic Tac L'alba si avvicina, cammino in silenzio verso l' infinito celeste, è giunto mezzogiorno.  



Ribellione

Noi siamo

Radici di un albero secco che vuole rivivere.

Noi siamo

Rami spogli che vogliono germogliare.

Noi siamo

Città spenta che vuole svegliarsi.

Noi siamo

Abitanti del mondo che vogliono urlare:

urlare le proprie colpe,

le proprie paure,

il proprio dolore.

. di Patrizia Di Vetta